Reviews

 

Eccellente è Cristina Melis, nei panni di Suzuki. La sua è una interpretazione di grande impatto, grazie ad una splendida voce duttile, sonora, omogenea in ogni registro e adeguata ad un’espressività d’effetto.

Grigorij Filippo Calcagno, IeriOggieDomani.com

 Bologna, 23 febbraio 2020

 

Madama_Butterfly_F. B. Pinkerton-Raffaele Abete_Suzuki Cristina Melis_5D4_9177_∏AndreaRanzi-StudioCasaluci©Andrea Ranzi/Studio Casaluci

 

 

Aida Circuito Lombardo:

 Ben in parte, sia scenicamente che vocalmente, l’appassionata #Amneris di #CristinaMelis, rotonda in zona centrale e grave, svettante in acuto con estrema incisività...

Andrea Merli impiccione viaggiatore

 Como 29 Novembre 2019

 

 

L’Amneris di #CristinaMelis si distingue per una voce #mezzosopranile ambrata, vellutata nelle note basse, lucente in quelle alte, come ampiamente dimostrato soprattutto nel quarto atto, dove conclude l’impegnativa Scena del Giudizio con un la timbrato e sfolgorante. #L’attrice è, poi, credibile, interpretando una donna risoluta e innamorata, non la solita virago alla quale siamo spesso abituati....

 https://www.connessiallopera.it/…/2019/como-teatro-sociale…/ 

 

 

#Eccellente la #Amneris di #CristinaMelis, super esperta in questo ruolo. #Ottima per volume, #qualità della #voce e #interpretazione. Fa molto bene nel #duetto con Radamès del IV atto, in cui sfoggia #bellissime note di #petto, con voce #omogenea nei passaggi, risultando del tutto convincente. Nell’Anatema contro i sacerdoti la voce si fa un poco più debole, forse per la stanchezza dovuta alla parte impegnativa, ma compensa con un’interpretazione superba.

Roberto Cighetti

Teatro Ponchielli

Cremona | 15-17 novembre 2019

 

 

Muscolare anche la prova di Cristina Melis, Amneris che si impone grazie ad una voce avvolgente e sempre ben timbrata, anche nei passaggi all’acuto che Verdi chiede.

Pierachille Dolfini  LIRICAMUSICASPETTACOLI  Questa piccola, grande Aida di Zeffirelli di |Pubblicato 20 Novembre 2019         Fra i cantanti svetta l’ottima #Amneris di #CristinaMelis, vera mattatrice della serata. Il #mezzosoprano è dotato di voce forte e timbrata, omogenea in tutti i registri e con un ottimo controllo del fraseggio. A ciò si aggiunge un interprete coinvolta, appassionata e sempre credibile sulla scena; ovazioni per lei nel finale da parte del pubblico.

(R. Malesci 17/11/19)

OperaTeatro.it

 

 

 

Mit Krallen:Melis'Amneris

#CristinaMelis gibt eine herrlich herbe #Amneris, die in #Stimme und Gehabe die Verstellung übt und die #Mezzosopran-#Krallen ausfährt. Nicht mal den einsamen Liebestod, eingemauert im Betonmausoleum, gönnt sie ihrer Rivalin allein, sondern legt prompt Hand an ihr eigenes Leben

ECristina Melis gibt eine herrlich herbe Amneris, die in Stimme und Gehabe die Verstellung übt und die Mezzosopran-Krallen ausfährt. Nicht mal den einsamen Liebestod, eingemauert im Betonmausoleum, gönnt sie ihrer Rivalin allein, sondern legt prompt Hand an ihr eigenes Leben

KL-ONLINE.DE

 

#Apemusicale #Recensione Teatro Regio di Torino
Il #mezzosoprano #CristinaMelis è una #Santuzza fiera e convincente, di forte impronta lirica e di sicuro temperamento scenico, ricca di sfumature anche nella recitazione e nel declamato che tanta parte hanno in Cavalleria, a partire dalla sua apparizione (‘Dite, mamma Lucia…’), ed emerge, tralasciando l’estensione della parte, per qualità del timbro e dell’emissione...Teatro Regio di Torino 2019

 

 

                  "Cristina Melis, nel ruolo di Azucena, convince per le rilevanti doti attoriali ed il colore vocale ben adatto alla parte. Di grande intensità la sua “Stride la vampa”". Sergio Palumbo Culturaspettacolo.it #CristinaMelis #Azucena #teatrosanCarlo #Trovatore #opera2017  "....del pari apprezzabile, sempre nel ruolo della zingara, si rivela la cagliaritana #CristinaMelis, le cui qualità di mezzosoprano dal timbro affascinante e brunito emergono sia nei vari passaggi de “Stride la vampa”, sia nel successivo duetto con Manrico. Carlo Dore Jr Operaclick.com #TeatroLiricodiCagliari      Carmen ha il timbro vocale scuro, pastoso e lucente di Cristina Melis. Il mezzosoprano ha una linea di canto omogenea che mantiene il suo colore importante in tutti i registri. Le note basse sono nitide e piene di armonici, gli acuti sono morbidi e ben coperti anche nelle frasi più concitate. Tutto questo, unito all'ottima resa scenica, costruisce un personaggio forte e volitivo, credibile quando afferma di essere nata libera e di non voler rinunciare, nemmeno di fronte alla morte, alla sua libertà.   OperaClick Patrizia Monteverdi La recensione si riferisce alla recita del 12 novembre 2016